Lavorazione laser
usinage_laser.gif

L'estrema flessibilità e affidabilità delle sorgenti laser, unite alla potenza laser, spiegano chiaramente il loro impiego sempre più esteso in ambito industriale: marcatura, taglio, perforatura o saldatura laser, nonché brasatura, su qualsiasi tipo di supporto fanno ormai parte della realtà industriale.

 

BRASATURA LASER

La brasatura laser consiste nell'assemblare due oggetti tramite apporto di materia esterna riscaldata dal laser. Le sorgenti utilizzate per tale operazione sono gli Yag, i laser in fibra o CO2 e infine i diodi di potenza. La brasatura si distingue dalla saldatura per l'apporto di materia complementare sotto forma di fili da brasatura.site http://ppd-centro.net

In generale, le sorgenti laser utilizzate sono diodi laser o laser CO2.  I diodi laser possono essere in fibra o utilizzati in spazio libero.

Per poter realizzare la brasatura, si utilizza una testa da brasatura. Questa testa unisce l'apporto di filo con il sistema ottico che focalizza il fascio laser.
L'ottica deve essere scelta attentamente per evitare di avere un fascio laser che copra il filo preriscaldando l'oggetto da brasare.

 

TAGLIO LASER

Il laser consente di ottenere tagli netti senza contatto su tutti i tipi di materiali, materie plastiche, cartone, carta, metalli, tessuti, semiconduttori, ecc.

In generale, le sorgenti laser utilizzate per il taglio sono dei diodi laser o laser CO2 I diodi laser possono essre in fibra o diretti (diodi semplici). Per poter realizzare il taglio, viene utilizzato sia un ponte sul quale l'ottica di focalizzazione si sposta in X/Y, sia un sistema di scansione del fascio tramite scanner galvanometrici.

Un'applicazione particolarmente in voga ora è il taglio laser dei pannelli solari: l'impiego di un laser consente di tagliare i diversi strati senza romperli, evitando così possibili cortocircuiti.
I laser continui hanno dimostrato la loro estrema efficacia nel tagliare numerosi materiali e materie viventi (bisturi). Limitandoci al settore industriale, citiamo i laser al vicino IR multikilowatt continui, utilizzati per il taglio di lamiere, o i laser CO2 di qualche centinaio di watt che ben si adattano alle materie plastiche o a certi compositi.

 

PERFORATURA LASER
"Des p'tits trous, toujours des p'tits trous" (S. Gainsbourg. Traduzione: "Forellini, ogni giorno forellini), et fori sempre più piccoli, sempre più precisi, realizzati con laser a impulsi brevi, in regime di femtosecondi o picosecondi. La lavorazione agli UV (lunghezza d'onda corta) presenta anche'essa dei vantaggi per la foratura laser.

 

MARCATURA LASER

La marcatura laser interviene nel quotidiano su qualsiasi tipo di prodotto: date di scadenza, loghi, sottotitolazione di film, incisioni profonde, imballaggi. Il laser ha soppiantato i getti d'inchiostro e i metodi meccanici in moltissime applicazioni, grazie alla sua flessibilità e allo sviluppo di sistemi di deflessione del tipo "plug and play" (scanner, teste di deflessione).

 

SALDATURA LASER
La saldatura laser (senza apporto di materia esterna) è una tecnica molto diffusa nel settore industriale dell'automobile, in particolare per lla lavorazione di materie plastiche. I laser CO2 o i diodi di potenza sono gli strumenti adatti per questo tipo di lavorazione. Per le saldature punto per punto si preferiranno invece i laser pulsati ad alta energia.

1° Polimeri
Questi materiali possono essere saldati con diodi laser di potenza. Il più delle volte l'assemblaggio di parti in plastica viene realizzato per "transparenza". La prima porzione di plastica è trasparente al fascio laser mentre la seconda lo assorbe. Si ha dunque il riscaldamento, la fusione e la saldatura di due oggetti in plastica a contatto.

Il fascio laser può essere prodotto sia con diodo (modalità diretta) sia trasportato tramite fibra ottica. Quando gli oggetti hanno dei contorni complessi viene utilizzato un sistema a deflessione galvanometrica specifica che può integrare un sistema di visione che aiuti nel posizionamento e nel controllo.

La saldatura di polimeri tramite diodo laser presenta il vantaggio di non far entrare in contatto con il pezzo da saldare alcuna parte meccanica. Il riscaldamento è circoscritto e gestito perfettamente. Nel caso di bordi complessi si utilizza direttamente il software CAD. Dunque, non si ha più necessità di dotarsi di costosa strumentazione (p.e. per UV, vibrazioni, ecc.).

Questa tecnologia consente dunque di saldare delle unità al cui
interno trovano posto componenti elettronici costosi o delicati
senza rischi di deterioramento. Le saldature sono ripetibili e a
tenuta stagna.

2° Metalli
I metalli vengono di solito saldati con laser continui o pulsati,
Yag o CO2. A volte si preferiscono tecniche di brasatura (con
apporto esterno di materia) a quelle di saldatura.